Ip fisso telecom su Modem generico

Scritto da Andrea Posarelli il 6 marzo 2011 |

Sulle ADSL business di Alice (analoghe a quelle residenziali ma con IP fisso), si puo’ anche installare un modem di proprieta’ al posto del Pirelli di serie (vedi foto), ma in questo modo la navigazione avverrà solo via IP dinamico.

Dopo aver cercato in lungo e in largo mi sono imbattuto in qualcuno che ha capito il perchè e ha risolto.

In pratica l’autenticazione sulle ADSL telecom e’ ininfluente, qualsiasi combinazione user/pass consentira’ la navigazione (normalmente si usa la classica aliceadsl/aliceadsl) ma si puo’ usare qualsiasi altra combinazione casuale. In questo modo pero’ la navigazione avviene solo per IP dinamico.

Invece per ottenere l’IP fisso bisogna utilizzare una particolare combinazione che si puo’ ottenere inserendo il MAC address del modem telecom nell’user (+ altra roba) e utilizzando una password particolare. Leggi il resto »

Aggiungere colonne alla ricerca Spotlight nel Finder

Scritto da Andrea Posarelli il 19 settembre 2010 |

Una delle cose più fastidiose in snow leopard e’ che e’ scomparsa la possibilita’ di aggiundere nella finestra di ricerca del Finder le colonne che indicano “dimensione, versione, commenti, etichetta”.

Se infatti si controllano le opzioni vista nella finestra di ricerca (cmd + J) si può notare come questi parametri siano non più selezionabili e disattivati.

In particolare per le dimensioni e le etichette personalmente ho sempre ritenuto utile il loro utilizzo per ordinare il risultato delle ricerche.

E’ possibile risolvere questo piccolo problema andando a modificare il file delle preferenze del Finder: com.apple.finder.plist

Leggi il resto »

History command

Scritto da Andrea Posarelli il 14 settembre 2010 |

Il comando History digitato nel terminale e’ molto utile, in quanto riporta tutti i comandi precedentemente digitati.

L’uso più frequente che si fa di solito dell’history file e’ quando richiamiamo un comando precedente dentro la shell, cliccando sulla freccia in alto.

La lunghezza dell’elenco e’ variabile e puo’ essere allungata o diminuita.
Se utilizzato insieme a grep diventa molto utile per trovare comandi digitati in precedenza di cui non si ricordano che parti o porzioni…

Non esiste un vero e proprio manuale come negli altri comandi classici da terminale, perche’ history e’ un comando della shell e non di sistema.

Per sapere le opzioni non si digita infatti man history, bensì: help history (…continua) Leggi il resto »

Mac mini Farm

Scritto da Andrea Posarelli il 22 luglio 2010 |

Tra le nostre prime iniziative commerciali, lanciamo Mac mini farm (www.macminifarm.it), un servizio di colocazione riservato ai Mac mini che puo’ interessare a chiunque voglia usufruire dei servizi messi a disposizione da Mac Os X Server come condivisione files, calendario e rubrica condivise, posta elettronica…
Il tuo Mac mini in una farm dedicata…

 

 

CloudCamp #2, Milano 25 Maggio 2010

Scritto da Andrea Posarelli il 22 aprile 2010 |

Nuovo appuntamento per fare il punto della situazione sulle tecnologie di “cloud”.

Io ci sarò, e voi?

Portachiavi/Keychain – Spostare il portachiavi

Scritto da Andrea Posarelli il 10 gennaio 2010 |

Il portachiavi di OsX e’ un oggetto per molti abbastanza misterioso, in realta’ e’ una applicazione utilissima che conserva e archivia le nostre password dei siti web e di applicazioni che accedono a internet a vario titolo, piu’ le password delle reti WiFi e altro ancora.

Normalmente il Portachiavi viene attivato al login su OsX e la sua password coincide con quella dell’utente.
In questo modo l’utente non viene scomodato ogni volta che viene salvata una password e il portachiavi viene appunto sbloccato quando si logga nel proprio utente.

Se si apre l’applicazione (/Applicazioni/Utility/Accesso portachiavi) si puo’ notare come oltre al proprio portachiavi (che normalmente si chiama “Login” ed e’ in grassetto in quanto portachiavi di default) ci sono anche un portachiavi di sistema che puo’ contenere password che servono al sistema e una root di sistema che di solito contiene dei certificati.

La cosa interessante e’ che si puo’ usare il portachiavi in modo un po piu’ sicuro e utile, per esempio cambiando la password di default in modo da usarne una diversa rispetto al proprio account e rendendolo “mobile”, quindi mettendolo su una chiavetta USB o altro dispositivo (cosa che ci consente di portarci dietro in sicurezza ogni nostra password).
Vediamo come fare…

Leggi il resto »

“Screen” command

Scritto da Andrea Posarelli il 16 settembre 2009 |

Il comando screen risulta utile quando dobbiamo lanciare script da terminale su una macchina remota che necessitano di una elaborazione particolarmente complessa o lunga. in quel caso possiamo utilizzare il comando “screen” e poi lasciare chiudere tranquillamente la nostra sessione terminale, sicuri di poter controllare in seguito l’esito del comando. In pratica e’ come aprire un terminale in un altro terminale, dargli un nome e collegarsi ad esso quando si vuole. Su OsX dovrebbe essere installato de default, se nella vostra distribuzione Linux non c’e’ lo si puo’ installare richiamando il proprio package manager di riferimento, ad es. con yum su Fedora/RedHat o apt-get su Debian/Ubuntu:

Fedora/redhat: sudo yum install screen
Debian/Ubuntu: sudo apt-get install screen


Leggi il resto »